Museo Storico Archeologico "Giuseppe Gabetti"

Museo dedicato alla storia di Dogliani e del suo comprensorio

L’istituzione del Civico Museo Storico Archeologico Giuseppe Gabetti, risale agli anni Settanta del secolo scorso a seguito della scoperta occasionale a San Quirico, una località di Dogliani già nota nel XVII secolo per alcuni ritrovamenti epigrafici, di un piccolo nucleo di sepolture di età romana, tra cui una tomba ad incinerazione con ricco corredo di vetri e ceramiche fini databili al I secolo d.C.
Grazie all’interessamento dell’Associazione “Amici del Museo” il museo, inaugurato nel 1983 e intitolato al doglianesi Giuseppe Gabetti (1886-1948), noto germanista, ha visto aumentare nel corso degli anni le sue collezioni con la collaborazione dei cittadini, che hanno segnalato e consegnato reperti di carattere storico e archeologico, tra cui una importante testa in arenaria databile alla media età del Ferro già inserita nelle vecchie mura di Dogliani.

Da sempre ospitato nello storico edificio del Palazzo Comunale, oggi il nuovo allestimento trova una sede più ampia nei locali posti al primo piano, già pertinenti ad un’ala presumibilmente di origine secentesca del complesso monastico del Convento del Carmine.
Il percorso museale, corredato da pannelli illustrativi con testi in italiano e in inglese, è dedicato al popolamento di Dogliani e del suo comprensorio attraverso le diverse epoche storiche, dalla preistoria fino all’età romana con riferimenti al periodo medievale, ancora poco noto.

Si sviluppa attraverso quattro sale.

La prima - un lungo ambiente a volte ribassate - si apre con la sezione paleontologica, che illustra l’evoluzione geologica del territorio attraverso una serie di fossili provenienti dalla vallata del Rea, per poi passare alle fasi preistoriche e protostoriche (Neolitico,età del Bronzo ed età del Ferro), documentate da asce in pietra verde e in bronzo, oltre che da ceramica di impasto rinvenuta presso le Pile di Valdibà e dalla testa in arenaria da Dogliani databile alla media età del Ferro. Alla fase della romanizzazione (I secolo a.C.) e alla prima età imperiale romana (I d.C.) si riconducono alcuni corredi provenienti dalla necropoli di Carrù che, insieme alla stele funeraria di Caio Annio Celere, ritrovata a San Quirico nel 1660, aprono un ampio sguardo anche sulla viabilità dell’alta valle del Tanaro attraverso la documentazione epigrafica.

Le altre sale sono dedicate ai rinvenimenti a Dogliani e nel Doglianese che in età romana apparteneva amministrativamente al territorio della vicina città di Augusta Bagiennorum. Oltre al ricco corredo di vetri proveniente dalla sepoltura di San Quirico, la cui ricostruzione didattica offre al visitatore un’esemplificazione delle tipologie di sepolture in uso presso i Romani.

Una sala attrezzata per ospitare convegni, conferenze e presentazioni multimediali, propone una serie di pannelli dedicati alle realtà museali esistenti nelle provincie di Cuneo (Alba, Bra, Bene Vagienna e Borgo San Dalmazzo), di Alessandria (Libarna, Acqui Terme, Ovada e Villa del Foro) e di Asti, al fine di illustrare al visitatore la varietà dei percorsi archeologici che caratterizzano il Piemonte meridionale.

Orari e giorni d’apertura: sabato dalle 15:00 alle 18:00, domenica dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00

Ingresso: gratuito

Museo civico storico archeologico G.Gabetti

Palazzo comunale
Piazza San Paolo 10
12063 Dogliani CN
Tel. 0173.70107-0173.70210